Tirana

Tirana

Things to do - general

Tirana è una città relativamente nuova, se si considera che fu fondata nel 1614 da Sulejman Bargjini (un signore feudale della regione, sotto controllo dell’Impero Ottomano), ed incominciò a svilupparsi solo all’inizio del diciottesimo secolo. Il centro urbano si è esteso fino a comprendere diverse municipalità, oggi rappresentate da undici piccoli distretti amministrativi chiamati Njësi Bashkiake. Nel complesso, l’area compresa tra i campus universitari e la centrale piazza Skanderbeg è stata oggetto di un grande processo di rinnovamento e riqualificazione, che ha visto la città trasformarsi radicalmente sin dall’inizio del nuovo millennio. Un esempio su tutti, l’iniziativa di dipingere le facciate degli edifici di Tirana di colori vivaci e diversi (come si può vedere dalle foto qui accanto). L’idea è stata promossa da Edi Rama, con l’intento di caratterizzare la città e permettere ai suoi abitanti di esprimere la loro creatività repressa. Ha funzionato, Tirana si è auto-colorata ed ha attratto l’attenzione dei media. Le sue facciate variopinte, amate e criticate, sono diventate un simbolo, di entusiasmo, creatività, voglia di rinascita. Contemporanteamente si sono risistemate aree verdi, asfaltate strade, puliti fiumi, dedicati edifici alla cultura e all’arte. LonelyPlanet ha scelto l’Albania e Tirana come meta numero 1 della Top Ten luoghi da visitare 2011.

La maggior parte dei visitatori comincia l’itinerario di Tirana dalla vecchia Piazza Skënderberg (Sheshi Skënderbej), il grande spazio aperto al centro della città. La si riconosce per la moschea di Et’hem Bey, costruita tra il 1789 e il 1823, e la Torre dell’ Orologio (Kulla e Sahatit), alta 35 metri e costruita nel 1830. Uno sguardo a 360 gradi e si spazia dalla moschea, alla torre dell’Orologio, al Monte Dajti, che svetta ad est dai suoi 1613 metri d’altezza. Si riconosce un pezzo di Istanbul, un pezzo d’Italia, di Russia, ma poi quando lo sguardo si posa sulle bancarelle del mercato all’aperto, si percepisce un’unica identità, quella albanese. Tirana è una città che incuriosisce e, mano mano che ci si appresta a visitarla, si diventa sempre più motivati a conoscerla.

Ad est del centro storico troviamo un altro interessante edificio di Tirana, il Palazzo della Cultura (Pallati i Kultures) la cui architettura monumentale è di chiara influenza sovietica (la prima pietra dell’edificio fu infatti posta simbolicamente dallo stesso Nikita Khrushchev, uno dei maggiori leader sovietici durante il periodo della Guerra Fredda). All’interno del palazzo trovano posto oltre ad un ristorante, caffetterie e diverse gallerie d’arte, anche due importanti istituzioni, il Teatro Nazionale dell’Opera e del Balletto dell’Albania (Teatri i Operas dhe i Baletit) e la Biblioteca Nazionale Albanese (Biblioteka Kombëtare e Shqipërisë), che da sola custodisce oltre un milione di libri, carte geografiche e documenti vari, con un interessantissimo archivio sulla cultura locale.

Un tempo, nella Piazza Skënderberg, sull’alto plinto di marmo situato tra il museo e la Banca Centrale, sorgeva la statua del leader della nazione, dal dopoguerra fino al 1985, Enver Hoxha. Con la fine del regime comunista la statua venne rimossa e oggi il centro della piazza è nuovamente in fase di rinnovamento, per via della generale riqualificazione urbana portata avanti dal sindaco Edi Rama (curioso notare che questo giovane signore, classe 1964, è al suo terzo mandato dal 2000 e fu scelto dal Time Magazine come ‘uomo dell’anno’ in Europa per l’anno 2005). Lungo il fiume Lana, in direzione sud, si possono vedere le pareti bianche oblique di quello che una volta era il Museo Enver Hoxha, oggi conosciuto come Piramida, Centro Internazionale di Cultura, una struttura a forma piramidale in bilico tra l’essere un centro espositivo o una grande discoteca (si noti come dalla cima dell’edificio sia stata tolta la stella rossa). Questo strano edificio è letteralmente scalato dai ragazzi che salgono sulla sommità. Più a sud, lungo il Bulevardi Dëshmorët e Kombit, si trovano l’ultramoderno Palazzo del Congresso e il Museo Archeologico, che contiene una interessante collezione di reperti e oggetti che vanno dalla preistoria al Medioevo. Sono numerose le aree interessanti di Tirana, tra cui Tajvani, nel centro storico, nella quale trovate tanti ristoranti, caffetterie, bar, locali notturni, e Blloku, una ex zona comunista, un tempo inaccessibile ai comuni residenti e riservata solo ai più alti ufficiali di governo; dopo essere stato aperto al pubblico nel 1991, il quartiere si è man mano riempito di locali per il divertimento giovanile, tanto che oggi annova le migliori caffetterie della città.

Le opzioni di soggiorno a Tirana sono varie, possiamo trovare appartamenti affittati da privati e famiglie locali che ospitano turisti, alberghi economici e anche hotel di buon livello. Le strutture ricettive un tempo gestite dallo Stato sono state chiuse, ma nel complesso la città garantisce prezzi ottimi sia per l’alloggio che per la ristorazione. In Piazza Skënderberg e in Bulevardi Dëshmorët e Kombit, per esempio, ci sono molti ristoranti economici e in tutta la città si possono trovare piccoli bar per una consumazione veloce. La cucina locale è gustosa e genuina, fortemente influenzata dalla vicina Grecia.

Tirana ha stretto interessanti rapporti con numerose città europee, anche italiane, con cui si è gemmellata, tra queste: Ancara, Atena, Barcellona, Bruxelles, Bucarest, Cobourg, Firenze, Piana degli Albanesi, Kiev, Madrid, Marsiglia, Mosca, Parigi, Praga, Salonicco, Sofia, Stoccolma, Torino, Vilnus, Zagabria e Venezia.

Al visitatore Tirana appare piuttosto tranquilla, ordinata e ben lontana dalle immagini a cui ci avevano abituato i telegiornali (quando ce le facevano vedere). A detta di molti visitatori, l’Albania e la sua capitale stanno facendo veri passi da gigante. La città si sta proprio rifacendo il look, basta vedere le foto per rendersene conto. La rinascita continua, dal punto di vista architettonico, urbanistico e sociale. Intanto per chi ama la vita notturna, Tirana offre discoteche, locali serali, musica dal vivo di spessore, performance ed eventi, come raramente si vede in altre capitali europee.

Country Albania
Lingue parlateAlbanese
Valuta utilizzataLekë
Area (km2)1,110.03 km2

Cultura e storia

COSA VEDERE

Tirana è una città molto interessante da visitare. Oltre a musei che offrono uno spaccato molto interessante della città ci sono interessanti chiese e monumenti che durante la vostra visita vi racconteranno un po' di più la storia della capitale albanese.

Piazza Skanderbeg

Grande piazza palcoscenico per il passato regime comunista. Le grandi dimensioni assicuravano il passaggio dell'esercito e le sfilate che ricordavano la potenza del governo. La piazza porta il nome dell'eroe nazionale albanese, Skanderbeg, che combatté contro il potente impero turco e riuscì a mantenerlo fuori dai confini del paese per 20 anni. La statua al centro della piazza rappresenta questo celebre personaggio a cavallo al lato della bandiera nazionale. Nella piazza si trovano il Palazzo dell'Opera, la Torre dell'orologio, la  Moschea di Et'hem Bey e altri edifici interessanti.

Torre dell’Orologio (Kulla e Sahatit)

La torre è oggi il simbolo di Tirana ed è conosciuta come Kulla e Sahatit. Si trova nella piazza centrale, vicino alla moschea di Et'hem Bey e venne costruita a partire dal 1821 e venne terminata solamente grazie all'aiuto delle famiglie più ricche di Tirana. La cultura musulmana infatti prevede che le famiglie benestanti destinino la decima parte dei loro introiti annuali per sovvenzionare opere pubbliche o coloro che ne hanno più bisogno. La Torre fu in seguito aumentata di ben 35 m di altezza nel 1928, quando venne posto sulla torre un orologio proveniente dalla Germania. Danneggiato nella Seconda Guerra Mondiale, fu uno dei primi edifici ricostruiti alla fine della guerra.

Moschea Et'hem Bey

Bella moschea, la più bella di tutta l'Albania, situata nella piazza principale della città, anno di costruzione è il 1789. E' una delle costruzioni più antiche della città. Ha belle decorazioni esterne, e interni riccamente decorati, con rappresentazioni della natura, alberi, cascate ecc., temi poco ricorrenti nell'arte islamica. Venne chiusa durante il periodo comunista per venire riaperta senza autorizzazione nel 1991, quando una folla di persone, nonostante la minaccia dei comunisti, entrò egualmente nella moschea con le bandiere del paese. Questo "successo" fu una delle prime conquiste verso la caduta del regime comunista.

Opera di Tirana

Il Teatro Nazionale di Opera e Danza è il più grande teatro di questo paese, e ospita due corpi stabili di musica e di danza. Il teatro risale al 1953 e svolge un'attività importante per la città a livello culturale. La struttura non è bella, ma si esibiscono qui molti artisti, albanesi e internazionali.

Cattedrale di San Paolo (Katedralja e Shen Palit)

Di semplice decorazione esterna, ci regala degli splendidi interni con una impressionante architettura. Bellissimo ed emozionante il disegno sul vetro raffigurante Madre Teresa e Papa Giovanni Paolo.

Chiesa Cattolica Santa Maria (Kisha Katolike)

Costruitta nel 1865 come regalo dell’imperatore austro-ungarico Francesco Giuseppe, venne riaperta nel 1990 come monumento nazionale dopo la chiusura nel 1967 anno in cui tutte venne stabilito il divieto di professare una religione in tutta l’Albania.

Chiesa Ortodossa (Kisha Orthodhoxse)

Edificata nel 1964 venne poi chiusa nel 1967, anno in cui venne stabilito il divieto in tutta l'Albania di professare una religione e usata come sport club cittadino. Venne riaperta nel 1990.

Giardini Botanici

Sicuramente da visitare, continuano a rappresentare una gloria cittadina. Situati vicino allo zoo.

Mercato centrale

Non potete perdervi il colorato e tipico mercato cittadino di Tirana, è qui infatti che potete ammirare la vera cultura di Tirana, dei suoi cittadini, e acquistare i prodotti della terra albanese. Tradizione e cultura in esposizione all'aria aperta.

Museo nazionale di Storia

Fortezza di Giustiniano (Kalaja)

Edificata nel VI secolo durante il periodo Bizantino, quando ancora l’Albania era solo una piccola parte dell’impero di Bisanzio. Oggi dell’originale splendore rimane solo una piccola cinta muraria di 6 metri di altezza.

Piramide (Centro internazionale di cultura)

Costruita nel 1988 come museo dedicato al dittatore albanese Enver Hoxha (costruita dalla figlia e dal genero) è in vetro e marmo bianco. Si dice che sia l’edificio più costoso della storia dell’Albania. Dalla caduta del regime l’edificio è usato come centro culturale giovanile, centro congressi e discoteca.

Bulevardi Deshmoret e Kombit

Spazioso e ombreggiato viale che porta alla Galleria d'Arte Nazionale.

Parku Kombetar (Parco Nazionale)

Nella parte sud est di Tirana è un'area verde molto frequentata, con un laghetto artificiale e teatri all'aperto. Il luogo ideale per fare jogging.

Statua di Madre Albania

L'imponente statua, alta 12 metri, si trova in zona Dëshmoret e Kombit dove è collocatoun cimitero di guerra. Qui sono sepolti i partigiani albanesi caduti durante la Seconda Guerra mondiale. La zona è panoramica.

MUSEI A TIRANA 

Museo Archeologico (Muzeu Arkeologjik)

Interessante museo cittadino con vari reperti ritrovati nell’area intorno alla città, vasellame, piccoli oggetti raffiguranti animali e gioielleria.

Galleria d’Arte (Galleria e Arteve)

Bella galleria, ospita una collezione d’arte del periodo socialista, tra cui busti, dipinti, statue e fotografie, offre anche una superba collezione d’arte medievale.

Museo di Storia Nazionale

Il Museo della Storia Nazionale è un luogo molto interessante da visitare. Inaugurato il 28 ottobre 1981 si tratta del più grande museo della città e uno dei più importanti del paese. Si trova nella parte occidentale della Piazza Skenderbeg. Il Museo offre informazioni sulla storia dell’intera Albania. Contiene 3.600 reperti del patrimonio culturale albanese che ripercorrono tutta la storia dell'Albania. Bellissimo il mosaico della facciata dell’edificio raffigurante la storia dell’Albania dalle sue origini Illiriche ai giorni nazionalistici. Al suo interno, l’edificio è organizzato seguendo i periodi storici del paese. Sono in particolare da ammirare i reperti archeologichi ritrovati in tutta l'Albania il settore dedicato agli anni intorno alla Seconda Guerra Mondiale e al movimento partigiano. Nello shop del museo trovate souvenir interessanti da acquistare e ottimi libri.

Museo di Scienze Naturali (Museu i Shkencave Të Natyrës)

Piccolo ma importante museo cittadino la cui collezione inoltre include la più grande tartaruga marina mai ritrovata in Albania.

The Office

Uno spazio per l'arte contemporanea in città, con eventi, conferenze, esposizioni.

*Hotel Sky2

*Hotel Sky2

Tirana
Soggiorni in Hotel 4**** nel cuore della Capitale Albanese.more
Hotel Idea

Hotel Idea

Tirana
Nel cuore di Tirana, questo hotel sorge a soli 250 metri da Piazza Skanderbeg.more
Hotel Millennium

Hotel Millennium

Tirana
Solo 300 metri lontano dalla Piazza principale di Tirana, Skenderbej.more
Tirana International Hotel & Conference Center

Tirana International Hotel & Conference Center

Piazza Skenderbej, Tirana
Tirana International Hotel & Conference Centre è situato nella Piazza Centrale di Tirana.more
* Albania & Montenegro

* Albania & Montenegro

Scutari, Kruje, Tirana
5 NOTTI/6 GIORNI Montenegro – Scutari – Kruje – Tirana – Budva – Podgo More
* Gran Tour Albania

* Gran Tour Albania

* Saranda, Argirocastro, Scutari, * Berat, Parco Archeologico di Apollonia, Kruje, Tirana
* Pasqua Ortodossa

* Pasqua Ortodossa

Elbasan, Korca, * Berat, Monastero di Ardenica, Tirana
Un itinerario di viaggio breve ma intenso, alla scoperta dei riti della Pasqua Ortodossa nel territo More
Capodanno in Albania Tirana, la capitale dei giovani

Capodanno in Albania Tirana, la capitale dei giovani

Tirana
Festeggia un magnifico capodanno a Tirana,“La città dei Giovani”.More
Sulle tracce di Scanderbeg

Sulle tracce di Scanderbeg

* Valona, Alessio, Parco Archeologico di Apollonia, Monastero di Ardenica, Kruje, Tirana
Un itinerario di viaggio dedicato agli appassionati di storia, paesaggi e natura, che avrà come prot More
Tirana: Ponte del 1° novembre 2015

Tirana: Ponte del 1° novembre 2015

Kruje, Tirana
Viaggio di Gruppo al Centro dell’Albania-3 giorni/4 notti.More
Viaggio al centro della terra delle aquile

Viaggio al centro della terra delle aquile

Kruje, Tirana
Alla scoperta della Natura dell’Arte e della Cultura Albanese.More

Unfortunately there are no cruise offers at this location at the moment.